ABBONAMENTI HOUSE LIVINGANDBUSINESS registrazionI COMMUNITY NETWORK dell'INDUSTRIA DELL'ABITARE ISCRIZIONI IMMOBILIARE
(Erode - by Fabio Magnasciutti )
Gli scandali di Stato fanno scempio
del consenso del popolo sovrano
Una democrazia ricattata è una democrazia malata.
Ritratto delle cronache quotidiane di disinformazione
EN  FR  DE  ES  PR  [by Google]  |  COMMENTI    
Share
| Print Print | Email | A- A A+

Stanchi di subire la violenza dell’attuale modello di sviluppo e il silenzio complice o la sordità di coloro, politici ed intellettuali, che dovrebbero farci da guida e invece ci stanno portando all’autodistruzione, in una società che non è più capace di recepire argomenti ma solo coup de theatre Levate la testa, gente. Non lasciatevi portare al macello docili come buoi, belanti come pecore, ciechi come struzzi che han ficcato la testa nella sabbia.

Da ogni parte nella rete si batte il tasto della denuncia della modernità e del suo modello occidentale riuscito nell’impresa di far star male anche chi sta bene.
E le notizie WSJ che circolano nel web accreditano un sistema che arretra costantemente davanti a noi producendo diseguaglianze che sgretolano la convivenza civile.

IL DEFICIT ITALIANO È DI 75 MLD ANNUI
Porci, è così che ci chiamano. Gente senza morale, che si rotola nel fango.
E si riferiscono, i media anglosassoni e americani, a noi italiani come ai portoghesi, irlandesi, greci e spagnoli. E a noi non piace, non è bello in effetti essere considerati così. È per questo che ci impegniamo così tanto per riacquisire credibilità internazionale.

« I COMODI PIIGS» del blogger Bimbo Alieno ci spiega che … se non si interviene su quei 75 miliardi che ogni anno ci mancano, siamo costretti a fare nuovi debiti per trovarli. Perché una manovra che mette a credito nel bilancio oggi un impegno di restrizione della spesa da realizzarsi nel 2013-2014 è totalmente malsana.
In Grecia c’è un’idea creativa per la sostenibilità del debito: l’obbligo di rinnovo del 70% dei titoli da parte di chi li detiene. Fantastico, una volta era “un diamante è per sempre” oggi è “un titolo greco è per sempre”.
In Spagna, oltre a una disoccupazione spaventosa (circa 20%), la legge prevede che se dalla vendita all’incanto la banca incassa meno di quanto serva all’estinzione del debito allora l’istituto ha diritto di rivalersi per la differenza su altri beni del debitore. Stanno iniziando ad accelerare le riscossioni ipotecarie delle banche spagnole sugli immobili: 30000 (trentamila) case da gennaio ad oggi. Nel terribile 2009 a giugno il conteggio era a 3000 (tremila). Il Portogallo è messo anche peggio della Grecia e dell’ : «IRLANDA; si può già scrivere la storia di un paese schiavo delle banche.»

ITALIA, LA RECESSIONE PER AUTUNNO
Nella Blogosfera Economica si fanno i conti perchè, in questa crisi epocale, Mass-media, Istituzioni, Banche Centrali e Politica hanno fatto di tutto per confonderci … «COBRAF» L’Italia entra ora in recessione. … La manovra di Tremonti garantisce la recessione per l’autunno, basta saper fare le addizioni. Il primo luglio gli indicatori congiunturali italiani, PMI e ISM manifatturiero hanno indicato “recessione”, nessun altro paese OCSE importante ha ancora un PMI sotto quota 50 che è quella che indica contrazione dell’economia, gli economisti si aspettavano 51 ed è uscito 49.9. Questo indica che per la prima volta dal 2008 siamo in recessione e siamo subito dopo la Grecia, la Spagna e l’Irlanda il paese industriale la cui economia si contrae. La manovra di Tremonti colpisce un economia che si è già fermata come indicano gli ultimi dati e rende sicura al 100% la recessione. I dati delle vendite al dettaglio dei saldi usciti sabato dicono un bel -5% e mostrano che i consumi cedono.

USA, IL MITO DELLA FALSA RIPRESA
In America il mercato del lavoro continua terribilmente a soffrire con i sussidi per la dodicesima settimana consecutiva mediamente abbondantemente sopra la linea delle 400.000 richieste. Con un crescita anemica del 2 % nessuna possibilità di assorbire la disoccupazione, lo abbiamo visto più volte.
È questa sarebbe una ripresa, per lo più stimolata dalla più imponente dose di stimoli monetari e fiscali della storia, alimentando l’illusione finanziaria a scapito di quella economica? Figurarsi adesso che la FED sospende per qualche mese il QE che fine farà la calda sensazione di ricchezza di questi mesi.È Sul «WSJ» il riassunto di questa grande illusione che la storia ha già bocciato più volte soprattutto per quanto riguarda l’illusione inflattiva che ha caratterizzato in questi mesi i dibattiti dei media e nella blogosfera internazionale… da somministrarsi l’« EFFETTO PLACEBO» del blogger Iceberg Finanza.

LA FINANZIARIZZAZIONE DELL’ECONOMIA
Un Modello di sviluppo atroce, sfuggito dal controllo anche di chi pretende di governarlo quello occidentale. L’Industrialismo, in qualsiasi forma, capitalista o marxista, ha prodotto più infelicità di quanta ne abbia eliminata. ….e questo sarebbe il migliore dei mondi possibile?!
Su questa convinzione indistruttibile si era già abbattuta la critica radicale de «Il RIBELLE» Massimo Fini che, nel «Vizio oscuro dell’Occidente» del 2004, aveva delineato un programma per passare all’azione, con il suo «MANIFESTO DELL’ANTIMODERNITÀ» che intercetta, ancor più oggi, lo spirito di ribellione della nuova resistenza Gli indignati di mezz’Europa, soprattutto quella mediterranea.

MEDIOEVO, TALEBANI, SVIZZERA, RIVOLUZIONE
Una perversa concezione della modernità impera, e per risvegliarci dai torpori c’è chi vagheggia, come Massimo Fini, la nostalgia per il medioevo che si riversa in simpatia per i Talebani, più per voglia di provocazione che come argomentazione propositiva. Chi come Mercato Libero definendo l’Europa solo apparentemente solida… ma in realtà con il continuo peggioramento dei conti di Grecia, Portogallo, Irlanda, Spagna e Italia vede in serio pericolo la continuità dell’Euro.
Per giunta i tassi in salita in Europa spingono al rialzo il costo del debito per i paesi meno virtuosi e la rivalutazione dell’euro verso il dollaro non fa che peggiorare la situazione ……. e ci invita a «proteggere i nostri risparmi portandoli in Svizzera».

MA DOVE VOGLIAMO ANDARE?
Proprio emblematico il titolo del blogger Porci comodi! E ci aggiungerei anche ignoranza abissale congenita e aggravata da futili motivi. Si dovrebbe dovrebbe dire: Houston‚Ķ abbiamo un problema ! E tutti insieme muoverci nella stessa direzione , altrimenti c’è chi andrà in giro per le strade cercando un capro espiatorio qualsiasi. E non c’è niente di più pericoloso. Ma chi è in grado di dire la verità e raccogliere il necessario consenso per evitare un disastroso naufragio?Nessuno é in grado di dirla ed ormai é buona cosa che rimanga incompresa.

Il mondo occidentale sta crescendo solo con i debiti, quindi l’operazione : incremento del prodotto ‚Äì incremento dei debiti (calcolati correttamente, tolti quindi gli attivi fittizi) da un risultato negativo. Andrebbero tolti anche gli impegni futuri, che mi sembra nelle contabilità degli Stati non siano messi in evidenza così bene, non c’è ad esempio la voce “Pensioni da pagare”, mentre nei bilanci delle aziende c’è la voce “Accantonamenti per TFR”.